Ultim'ora

Questo sito web utilizza i cookies per offrire una migliore esperienza di navigazione, gestire l'autenticazione e altre funzioni.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, l'utente esprime il suo consenso all’utilizzo dei cookies sul suo dispositivo. Visualizza la Privacy Policy

Approvo

Concluso il primo anno del programma per il potenziamento delle pratiche motoria e sportive nella scuola primaria, gli esperti delle varie componenti coinvolte (CONI, Regione, mondo della scuola, sistema sanitario) si confrontano sui risultati, mentre è già partito il secondo anno di attività

 

Marche in Movimento

 

Sport è salute e benessere. Più di una semplice affermazione, che nelle Marche si traduce nel progetto "Marche in movimento con lo sport lo di classe", per il potenziamento dell'attività motoria e sportiva nella scuola primaria. Un progetto promosso e finanziato da CONI e Asur Marche e che vede come partner Regione Marche, Miur, Comitato paralimpico (CIP) e Centro Sportivo Italiano.

Alla sua seconda edizione, che partirà lunedì 3 dicembre, l'attività vedrà la partecipazione, per l'anno scolastico 2018/2019, di 2.300 classi, dalla prima alla quinta elementare, pari a quasi al 70 per cento del totale su tutto il territorio, per circa 45.000 studenti marchigiani. Coinvolti 328 tutor, professionisti laureati in Scienze motorie, che affiancheranno gli insegnanti nel progetto. Per l'anno corrente sono pari a circa un milione e mezzo le risorse per lo svolgimento del programma, tra fondi CONI, che è soggetto attuatore, e Asur Marche. Una misura concreta con cui il CONI promuove lo sport e l’attività motoria nella scuola primaria, fondamentale per la crescita e la formazione dei giovani.

Per analizzare i risultati ottenuti dal primo anno di progetto, gli esperti di tutte le componenti istituzionali e sociali coinvolte (CONI, Regione, mondo della scuola, sistema sanitario, Cip e Cis) si confronteranno in un pomeriggio di approfondimento lunedì 3 dicembre alle 15:00, alla sala conferenze del Comitato regionale delle Marche, al PalaPrometeo Estra “Rossini” di Ancona, all'interno del convegno: “SMS #sportmovimentosalute – Un impegno concreto”.

Al centro del dibattito i temi della prevenzione, dei corretti stili di vita, della disabilità, della sinergia tra scuola e sport, dell'apprendimento, che passa anche attraverso l'attività motoria. Numerosi i relatori che si avvicenderanno al tavolo della sala conferenze del CONI.

Ad aprire il pomeriggio, i saluti istituzionali del presidente del CONI Marche, Fabio Luna, del presidente della Regione Marche, Luca Ceriscioli, del presidente nazionale del Centro sportivo italiano, Vittorio Bosio, del direttore generale dell'Ufficio scolastico regionale, Marco Ugo Filisetti e del direttore Asur Marche, Alessandro Marini.

Anche quest'anno “Marche in movimento con lo sport di classe” si articola in tre moduli: “Sport di Classe”: 1 ora alla settimana di attività motoria e sportiva dalla I alla V classe con un tutor, laureato in Scienze motorie che affianca l'insegnante di ruolo;

Scuola in movimento”: rivolto alle prime e seconde classi; attività motoria in orario curriculare per 20-30 minuti al giorno di movimento proponendo in modo attivo, attraverso attività motoria, l’insegnamento delle materie curriculari (es. geometria, inglese, matematica, geografia, italiano, scienze); “Orientamento sportivo”: 1 ora alla settimana aggiuntiva di attività sportiva per le IV e V classi, previste 2-3 discipline sportive a rotazione (es. atletica, ginnastica, pallavolo ecc…) fatta con tutor adeguatamente formati.

Completano il progetto: il monitoraggio in capo al CONI nazionale e per la parte di Sport in Movimento al Csi; l'attività formativa per tutor e insegnanti in capo alla Scuola Regionale del CONI; l'attività informativa e di comunicazione rivolta ai ragazzi e ai genitori per una sana e corretta alimentazione a cura dell’Asur.

SCHEDA E NUMERI DEL PROGETTO

Soggetti promotori: CONI, MIUR, REGIONE MARCHE, ASUR MARCHE, CIP, CSI

Soggetti partecipanti: 2.300 classi della Scuola Primaria della regione; 20 Federazioni sportive nazionali; 328 tutor.

Il programma del convegno nel dettaglio