Ultim'ora

Questo sito web utilizza i cookies per offrire una migliore esperienza di navigazione, gestire l'autenticazione e altre funzioni.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, l'utente esprime il suo consenso all’utilizzo dei cookies sul suo dispositivo. Visualizza la Privacy Policy

Approvo

Scacchi

 

Nell’ambito del progetto “Laboratori territoriali di integrazione sportiva”, il Comitato regionale CONI Marche e la Delegazione provinciale di Ascoli Piceno, con la collaborazione dell’amministrazione comunale di Ascoli Piceno, stanno realizzando il progetto “Scacchi a scuola”. In risposta all’Avviso per manifestazione d'interesse del Comune di Ascoli Piceno per il programma di iniziative da realizzarsi nelle scuole per l'anno scolastico 2018-2019, il CONI ha proposto una iniziativa che mira ad integrare le varie componenti sportive (Federazioni, Enti di Promozione, Sportiva, Discipline Sportive Associate) e le amministrazioni comunali attraverso una attività che sta coinvolgendo 3 istituti scolastici comprensivi, 5 plessi, 9 classi e ben 168 alunni delle scuole primarie della città.

“Il gioco degli scacchi, come noto, - dicono il presidente del CONI Marche Fabio Luna ed il Delegato provinciale di Ascoli Piceno Armando De Vincentis - non è soltanto uno strumento ludico socializzante, ma anche e soprattutto mezzo di crescita intellettuale e cognitiva, soprattutto per i giovani in età evolutiva. Vogliamo evidenziare, tra l’altro, l’importanza data dal Parlamento Europeo all’insegnamento degli scacchi a scuola come testimonia la Dichiarazione scrittapresentata a norma dell'articolo 123 del Regolamento sull'introduzione del programma "Scacchi a scuola" nei sistemi d'istruzione dell'Unione europea”.

L’attività nelle 9 classi delle scuole dell’infanzia di Ascoli Piceno viene realizzata dall’istruttore Dante Guglielmi della Federazione Italiana Scacchi che, attraverso il proprio Comitato regionale, ha assicurato collaborazione all’iniziativa. Il progetto è stato avviato nello scorso mese di novembre e prevede un’ora settimanale di intervento in ogni classe.