Ultim'ora

Questo sito web utilizza i cookies per offrire una migliore esperienza di navigazione, gestire l'autenticazione e altre funzioni.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, l'utente esprime il suo consenso all’utilizzo dei cookies sul suo dispositivo. Visualizza la Privacy Policy

Approvo

Sette ori e due bronzi per la squadra guidata dal presidente Daniele Camilletti e dall'allenatore Piero Pierani

Inarrestabili l'undicenne Vanessa Tittarelli che sbaraglia le avversarie in tutte le categorie nelle quali ha gareggiato ed il diciotenne Leonardo Gatti nella combattutissima prova Open

 

Wakeboard

 

Pieno di medaglie per il Wakeland club di Camerano (AN), al Turin Wake Park, valido per i Campionati italiani di categoria, atleti ed a squadre, che si è tenuto lo scorso weekend. Sette ori e due bronzi per i colori del team guidato da Daniele Camilletti, allenatore e presidente del Wakeland club, e dall'allenatore Piero Pierani.

Plurimedagliata la giovanissima, Vanessa Tittarelli, 11 anni di Ancona che dopo la medaglia di bronzo all'ultimo Mondiale della disciplina, nelle acque di Torino è salita sul primo gradino del podio di tutte e tre le categorie nelle quali ha gareggiato. Vanessa è stata incoronata campionessa italiana Under 19 di Wakeskate, Under 15 di Wakeboard nonché nella categoria Open ladies, nella quale si è confrontata con le atlete migliori di ogni età.

Oro anche per Leonardo Gatti, già campione italiano lo scorso anno. Classe 2000, anconetano, Leonardo si è aggiudicato la medaglia d'oro nella categoria Under 19 e nella combattutissima gara della categoria Open in cui l'atleta anconeno se l'è dovuta vedere con il campione europeo junior, Riccardo De Tollis, che cercando di battere Gatti ha spinto al massimo la sua performance non riuscendo, però, a terminare la prova.

Terzo gradino del podio, invece, per il pescarese, Damiano Solbiati, nella categoria Open.

Successo anche per gli “adulti”, con l'oro di Luca Polidoro, di Pescara, nella categoria Master e con il bronzo di Piero Pierani, anconetano, nella categoria Veterans.

Gli ottimi risultati ottenuti singolarmente dagli atleti del Wakeland club di Camerano sono valsi anche la medaglia d'oro alla squadra, vincitrice del Campionato italiano di Torino.

Wakeboard 2Grande soddisfazione per il presidente del club, nonché allenatore esperto, Daniele Camiletti, e per l'altro pilastro del club, Piero Pierani, anche lui allenatore. «Il club è nato nel 2008 ed in poco più di dieci anni siamo riusciti ad arrivare ai massimi livelli della disciplina e questo non può che renderci orgogliosi del lavoro fatto e naturalmente dei nostri atleti e dei nostri tecnici. A loro va il nostro più sentito grazie, per l'impegno ed il sacrificio che hanno messo negli allenamenti e nella preparazione alle gare. Voglio ricordare ha aggiunto Camillettiche sia Vanessa sia Leonardo, i nostri atleti più giovani, si allenano costantemente in acqua, anche durante l'inverno, ed hanno dimostrato grande determinazione e voglia di crescere».

Il presidente Camilletti ha anche ricordato la storia del club che guida insieme a Pierani, e che si è specializzato dal 2013 nel Cablewake, vale a dire surfare sull'acqua trainati un cavo aereo e non da una barca. «In squadra abbiamo grandi campioni ha sottolineato Camilletti , ma chiunque può provare questa disciplina con il nostro club, abbiamo bambini dai quattro anni di età fino a praticanti di ottant'anni. Chiunque troverà da noi personale preparato ed attento».

Al Wakeland club anche il plauso del presidente del CONI Marche, Fabio Luna. «Le mie congratulazioni agli atleti, giovanissimi e meno giovani, che hanno portato alti i colori delle Marche nei Campionati italiani di Wakeboard di Torino. Una bella vetrina per lo sport della nostra regione, ma anche per questa disciplina, ancora poco conosciuta, e che invece ha regalato, e continua a regalare, grandi soddisfazioni per questo territorio. Spero di incontrare prestoha auspicato Lunaquesti atleti e la dirigenza del club. Un incontro che abbiamo in programma da tempo, ma che non siamo mai riusciti a concretizzare. Ora sarà anche l'occasione per congratularmi di persona con questi grandi atleti, allenatori e dirigenti sportivi».

Wakeboard 4

Wakeboard 6

Wakeboard 7